Juve
Home page Juve Juve 2019-2020 Juve Articoli Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
10 anni di presidenza della Juventus di Andrea Agnelli. Considerando le condizioni in cui versava la società reduce dalla gestione Blanc, come valuti l’operato di Agnelli? (di Juve10)
Eccellente: ha preso la Juventus da un 7° posto e l’ha portata ad 8 scudetti consecutivi e svariati altri trofei, ha rilanciato il brand Juventus, ha comprato una star del calibro di CR7
Buono: perfetto in campo nazionale, manca all’appello nei suoi 10 anni almeno un sigillo europeo
Sufficiente: a livello di trofei, in campo nazionale, ha sbaragliato la concorrenza ma lascia perplessi la gestione di alcuni addii (Del Piero, Conte, Marotta)
Insufficiente: nonostante il lungo ciclo di vittorie in Italia manca la Champions per promuoverlo a pieni voti


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
JUVENTUS 63 Sassuolo 32
Lazio 62 Cagliari 32
Inter 54 Fiorentina 30
Atalanta 48 Udinese 28
Roma 45 Torino 27
Napoli 39 Sampdoria 26
Milan 36 Lecce 25
Parma 35 Genoa 25
Verona 35 Spal 18
Bologna 34 Brescia 16
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
- - Ita Juventus-Milan
- - A Bologna-Juventus
- - ChL Juventus-Lione
- - A Juventus-Lecce
- - A Genoa-Juventus
- - A Juventus-Torino
- - A Milan-Juventus
- - A Juventus-Atalanta
- - A Sassuolo-Juventus
- - A Juventus-Lazio
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
18 52 17 1 0 44 12 C
18 34 10 4 4 26 19 F
1 0 0 0 1 1 3 N
37 86 27 5 5 71 34 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
19.01 A Juventus-Parma 2-1
22.01 Ita Juventus-Roma 3-1
26.01 A Napoli-Juventus 2-1
02.02 A Juventus-Fiorentina 3-0
08.02 A Verona-Juventus 2-1
13.02 Ita Milan-Juventus 1-1
16.02 A Juventus-Brescia 2-0
22.02 A Spal-Juventus 1-2
26.02 ChL Olympique Lione-Juve 1-0
08.03 A Juventus-Inter 2-0
Punti 19 - Vinte 6 - Pari 1 - Perse 3
Gol fatti 17 - Gol subiti 9 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pre Min Pan Gol
19 Bonucci 34 3033 2 4
21 Higuain 34 2150 12 8
10 Dybala 34 2076 14 13
7 Ronaldo 32 2836 - 25
5 Pjanic 32 2606 4 3
16 Cuadrado 1 32 2470 10 2
12 Alex Sandro 31 2702 3 -
14 Matuidi 31 2119 13 1
30 Bentancur 1 29 1949 11 1
4 De Ligt 27 2282 11 2
1 Szczesny 26 2340 9 -25
25 Rabiot 1 24 1549 17 -
8 Ramsey 24 1097 18 4
33 Bernardeschi 24 1077 21 1
13 Danilo 19 1354 16 1
11 Douglas Costa 18 680 12 2
6 Khedira 17 949 6 -
2 De Sciglio 12 706 15 -
77 Buffon 11 990 26 -9
23 Can 8 281 21 -
24 Rugani 7 630 28 -
28 Demiral 7 559 19 1
3 Chiellini 3 156 2 1
20 Pjaca 1 15 9 -
38 Muratore 1 1 3 -
31 Pinsoglio 0 - 30 -
41 Coccolo 0 - 8 -
35 Olivieri 0 - 6 -
17 Mandzukic 0 - 3 -
39 Portanova 0 - 3 -
42 Wesley 0 - 3 -
37 Perin 0 - 2 -
34 Beruatto 0 - 1 -
36 Han 0 - 1 -
43 Peeters 0 - 1 -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 9 - Centrocampo 13 - Attacco 47
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 25 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 15 (60,00%)
Rigori segnati 11 - Sbagliati 0 - Parati 1
Ammonizioni 72 (20 giocatori)
Espulsioni 3 (3 giocatori)
Tutte le statistiche
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.345 Giocate 2.912
2.378 (54,73%) Vittorie 1.603 (55,05%)
1.116 (25,68%) Pareggi 789 (27,09%)
851 (19,59%) Sconfitte 520 (17,86%)
7.802 Fatti 5.087
4.234 Subiti 2.745
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
477 Giocate 1.323
262 (54,93%) Vittorie 797 (60,24%)
108 (22,64%) Pareggi 313 (23,66%)
107 (22,43%) Sconfitte 213 (16,10%)
813 Fatti 2.345
430 Subiti 1.153
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 289 Del Piero
667 Buffon 179 Boniperti G.
552 Scirea 178 Bettega R.
528 Furino 171 Trezeguet
509 Chiellini 167 Sivori
482 Bettega R. 158 Borel F.
476 Zoff 130 Anastasi
459 Boniperti G. 124 Hansen J.
450 Salvadore 115 Baggio R.
447 Causio 113 Munerati
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
667 Buffon 91 Dybala
509 Chiellini 63 Higuain
394 Bonucci 53 Ronaldo
216 Dybala 36 Chiellini
188 Alex Sandro 26 Bonucci
169 Cuadrado 22 Pjanic
167 Pjanic 21 Khedira
144 Khedira 16 Cuadrado
139 Higuain 10 Alex Sandro
119 Matuidi 9 Bernardeschi
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 23.03.2011
Sergio Cervato
di Bidescu
Figlio di contadini, è nato a Carmignano di Brenta (PD), il 23 marzo del 1929 ed è scoperto diciottenne nel Bolzano dal maestro Luigi Ferrero; tre anni dopo è già in Nazionale. È uno di quelli dello scudetto fiorentino ed i tifosi toscani lo lasciano partire senza clamorose contestazioni. Cervato sta per compiere trent'anni e sembra un vecchio combattente pieno di ferite: ha avuto guai ad un piede (il famoso “piede freddo” che a suo tempo aveva bloccato anche Meazza) e si dice che fosse troppo spesso esposto a strappi muscolari. Anche in Nazionale, dopo 25 partite, non è più titolare: lo sostituisce un tracagnotto della sua stessa stazza, Gaudenzio Bernasconi, centromediano della Sampdoria.

La Juventus lo acquista nel 1959, per cinquanta milioni. In quegli stessi giorni il Bologna ingaggia Campana per ottanta e la Roma, con la stessa cifra, Manfredini detto “Piedone”. Siamo alla vigilia del boom economico, una “Fiat Millecento lusso”, appena presentata al salone di Ginevra, costa poco più di un milione di Lire.

Cervato, secondo la critica, è l’unico terzino italiano di valore europeo dai tempi di Ballarin e Maroso. Ha giocato per anni a sinistra componendo, nella Fiorentina, con Magnini una formidabile coppia, poi si è spostato al centro e, da libero, ha assunto un ruolo più idoneo al suo stile. Ha nello slancio la sua arma migliore, è veloce ed intelligente, con una visione ben precisa del gioco difensivo, dove l’eleganza è pari alla decisione. Sono rimasti famosi certi suoi salvataggi che sembravano disperati ed invece venivano da fulminee intuizioni, scatenando applausi insoliti per un difensore, di norma riservati ai goleador od ai portieri.

In una partita contro il Brasile, a “San Siro”, nel 1956, il centromediano verdeoro Orlando è solo in piena area, davanti alla rete di Viola; gli ottantamila spettatori hanno il cuore in gola, sembra un goal inevitabile, quando Cervato sbuca all’improvviso soffiando in un lampo, con una spaccata meravigliosa, la palla dal piede del brasiliano. Un boato di riconoscenza saluta il salvataggio. L’Italia vince 3-0 e quell’intervento è rimasto indimenticabile.

Cervato è famoso anche per i goals che segna; è il prototipo del difensore/cannoniere, grazie ai suoi micidiali tiri piazzati: i rigori, che ha imparato a battere inesorabilmente dopo qualche errore di gioventù (uno dei primi, calciato lontanissimo dai pali, lo aveva sbagliato proprio contro la Juventus), ma soprattutto le punizioni. Prende una breve rincorsa e lascia partire tiri che raramente i portieri fanno in tempo a vedere; spesso restano impalati, impotenti, mentre il pallone si infila lassù, nell’angolo fra il palo e la traversa.

Con un goal nel “sette”, si presenta al suo esordio in maglia bianconera. É la finale di Coppa Italia, che allora si giocava in settembre: a “San Siro” la Juventus travolge l'Inter per 4-1 e Cervato è il cannoniere della giornata, segnando, tra quelli di Charles e Sivori, 2 goal, il primo, appunto, su punizione ed il secondo su rigore. La Juventus di quella stagione è allenata da Renato Cesarini e vive un momento particolare: c'è Boniperti che non gradisce il ruolo di ala destra e sembra addirittura sul punto di cambiare società.

Cervato è stato chiamato a rafforzare una difesa tutta nuova ed impostata su due giovani di talento, Castano e Benito Sarti. Qualcuno nutre perplessità sulla tenuta del vecchio difensore: lui risponde disputando ad alto livello tutte le 34 partite del campionato e segnando 6 goal (uno appena in meno di Boniperti) come contributo personale alla conquista dello scudetto. Riprende anche il suo posto in Nazionale, disputando tre partite, l'ultima delle quali a Barcellona, contro la Spagna di Suarez e Di Stefano nel marzo del 1960.

Nella sua seconda stagione juventina Cervato è di nuovo tra i protagonisti. Gioca 28 partite e segna un solo goal, su rigore, riprendendo in qualche occasione l'antico ruolo di terzino. La Juventus vince la Coppa Italia, contesa in finale proprio alla Fiorentina e lo scudetto, difeso in molte risse con l'Inter di Herrera. Così quando Cervato lascia Torino, può vantare un en plein davvero straordinario: in due stagioni aveva vinto 2 Coppe Italia e 2 campionati.

Finisce la carriera nella Spal, dove gioca altri 4 campionati, continuando a segnare, con le sue micidiali punizioni, altri goal. Il destino, però, vuole che l'ultimo pallone messo in rete dal terzino/cannoniere sia un autogoal, allo stadio “Olimpico” contro una Roma che schiera un De Sisti ventunenne.

http://ilpalloneracconta.blogspot.com/


Clicca qui per pubblicare il tuo articolo
Juve
Juve
Cerca nel sito
Archivio e statistiche
Juve
Vignette
Ingrandisci
Clicca sulla vignetta per ingrandirla
Juve Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Juve Vignette di Buongiorno
Juve Vignette di Zucaro
Juve Vignette di Steve
Juve Vignette di Bonarober
Juve Vignette di Wiggum
Juve Wallpapers di Buongiorno
Juve Wallpapers di Steve
Juve Wallpapers di Wiggum
Juve Download inni non ufficiali
Juve Tweet di Juve e giocatori
Accedi alla fanzone
Juve Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2020 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies