Juve
Home page Juve Juve 2022-2023 Juve Articoli Juve Archivio/statistiche Juve Storia Juve Fanzone Juve Italia1910.com Juve Serie A Juve Contatti
Sondaggio
Terremoto Juve, il CdA si dimette in blocco, compreso Andrea Agnelli. È la decisione giusta? (di Juve10)
Sì, la Juventus potrà difendersi al meglio dalle accuse con un nuovo management
Sì, ma almeno Andrea Agnelli sarebbe dovuto rimanere per garantire un minimo di continuità
No, scelta scellerata che ricorda terribilmente quanto successo con Farsopoli: prepariamoci al peggio


Mostra i risultati
Tutti i sondaggi Juve Proponi sondaggio
Juve
Cerca un giocatore
Classifica campionato di Serie A
Squadra Pti Squadra Pti
Napoli 41 Fiorentina 19
Milan 33 Salernitana 17
JUVENTUS 31 Empoli 17
Inter 30 Monza 16
Lazio 30 Sassuolo 16
Atalanta 27 Lecce 15
Roma 27 Spezia 13
Udinese 24 Cremonese 7
Torino 21 Sampdoria 6
Bologna 19 Verona 5
Classifica completa, risultati, calendario
Le prossime gare in calendario
Data/Ora Cmp Partita
17.12 19:00 AM Arsenal-Juventus
04.01 18:30 A Cremonese-Juventus
07.01 18:00 A Juventus-Udinese
13.01 20:45 A Napoli-Juventus
19.01 21:00 Ita Juventus-Monza
22.01 20:45 A Juventus-Atalanta
29.01 15:00 A Juventus-Monza
07.02 20:45 A Salernitana-Juve
12.02 18:00 A Juve-Fiorentina
16.02 21:00 EL Juventus-Nantes
Calendario completo
Tutte le partite ufficiali della stagione
G. Pti Vit Par Sco Fat Sub  
11 23 7 2 2 25 8 C
10 11 3 2 5 8 12 F
0 0 0 0 0 0 0 N
21 34 10 4 7 33 20 T
Ultime 10 gare ufficiali
Data Cmp Partita Ris
08.10 A Milan-Juventus 2-0
11.10 ChL Maccabi Haifa-Juventus 2-0
15.10 A Torino-Juventus 0-1
21.10 A Juventus-Empoli 4-0
25.10 ChL Benfica-Juventus 4-3
29.10 A Lecce-Juventus 0-1
02.11 ChL Juve-Paris Saint-Germain 1-2
06.11 A Juventus-Inter 2-0
10.11 A Verona-Juventus 0-1
13.11 A Juventus-Lazio 3-0
Punti 18 - Vinte 6 - Pari 0 - Perse 4
Gol fatti 16 - Gol subiti 10 - Vedi tabellini
Tutte le partite ufficiali della stagione
M Giocatore Pre Min Pan Gol
17 Kostic 21 1502 3 1
6 Danilo 20 1700 1 -
11 Cuadrado 1 20 1462 1 -
20 Miretti 18 835 12 -
18 Kean 18 594 11 5
5 Locatelli M. 17 1242 3 -
14 Milik 1 17 1048 8 6
12 Alex Sandro 1 17 1018 7 -
3 Bremer 16 1396 1 1
25 Rabiot 16 1382 - 5
8 McKennie 16 1080 4 3
9 Vlahovic 15 1267 1 7
19 Bonucci 15 1041 8 2
1 Szczesny 13 1123 2 -12
32 Paredes 13 696 6 -
2 De Sciglio 11 553 6 -
22 Di Maria 1 10 391 5 1
36 Perin 9 767 12 -8
44 Fagioli 9 435 16 2
30 Soulé 8 158 20 -
15 Gatti F. 6 540 15 -
24 Rugani 3 259 18 -
7 Chiesa 3 59 3 -
43 Iling-Junior 3 43 6 -
13 Rovella 3 24 3 -
28 Zakaria 2 122 3 -
42 Barbieri 1 2 4 -
45 Barrenechea 1 2 2 -
23 Pinsoglio 0 - 21 -
41 Garofani 0 - 6 -
46 Compagnon 0 - 1 -
40 Da Graca 0 - 1 -
47 Scaglia S. 0 - 1 -
33 Aké 0 - - -
34 Cudrig 0 - - -
4 De Ligt 0 - - -
21 Kaio Jorge 0 - - -
17 Pellegrini L. 0 - - -
- Pjaca 0 - - -
10 Pogba 0 - - -
- Ranocchia 0 - - -
- Zuelli 0 - - -
Contributo reparti in fase realizzativa
Difesa 3 - Centrocampo 12 - Attacco 18
Altre statistiche
Giocatori utilizzati 28 (almeno 1 pres.)
Giocatori in gol 10 (35,71%)
Rigori segnati 1 - Sbagliati 1 - Parati 1
Ammonizioni 44 (19 giocatori)
Espulsioni 4 (4 giocatori)
Tutte le statistiche
La Juventus dal 1900 ad oggi
Gare ufficiali   Serie A
4.485 Giocate 3.015
2.458 (54,80%) Vittorie 1.661 (55,09%)
1.145 (25,53%) Pareggi 814 (27,00%)
882 (19,67%) Sconfitte 540 (17,91%)
8.051 Fatti 5.271
4.379 Subiti 2.846
C. Europee   Era 3 pti (uff.)
500 Giocate 1.463
275 (55,00%) Vittorie 877 (59,95%)
109 (21,80%) Pareggi 342 (23,38%)
116 (23,20%) Sconfitte 244 (16,68%)
853 Fatti 2.594
462 Subiti 1.298
Tutti i numeri della Juventus
Top 10 - All Time (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
705 Del Piero 290 Del Piero
685 Buffon 179 Boniperti G.
561 Chiellini 178 Bettega R.
552 Scirea 171 Trezeguet
528 Furino 167 Sivori
491 Bonucci 158 Borel F.
482 Bettega R. 130 Anastasi
476 Zoff 124 Hansen J.
459 Boniperti G. 115 Baggio R.
450 Salvadore 115 Dybala
Classifiche complete
Top 10 - Rosa attuale (gare ufficiali)
Presenze Gol fatti
491 Bonucci 35 Bonucci
289 Alex Sandro 34 Pogba
287 Cuadrado 24 Cuadrado
190 Szczesny 19 Kean
178 Pogba 18 Chiesa
145 Rabiot 16 Vlahovic
129 Danilo 15 Alex Sandro
122 Rugani 13 McKennie
102 De Sciglio 11 Rabiot
91 McKennie 8 Rugani
Classifiche complete
Juve
Tutti gli articoli dell'autore Juve Tutti gli articoli Juve Articoli/storia Juve Tutti gli autori
Pubblicato il 14.11.2022

JUVENTUS - LAZIO 3 - 0 - FINALMENTE LA VERA JUVE!

di Antonio La Rosa
Dalle stalle alle stelle nel giro di due settimane, toccato il momento più buio di questo scorcio di stagione con la eliminazione in Champions, poi un filotto di tre vittorie nella settimana successiva, che si uniscono alle tre precedenti, contro due concorrenti, risultati netti ben oltre il punteggio finale, porta inviolata, come dire è ripartita la Juventus che desideriamo.
Prima che ci si esalti troppo, ancora non si è fatto nulla se non invertire la rotta, dopo un periodo decisamente bislacco, che ha compromesso la stagione, c'è da salvare il salvabile, possibilmente conquistando qualcosa di importante che serva non solo al palmares ma anche a mettere le basi per un nuovo ciclo ed una Juventus proiettata nel futuro, quindi piedi per terra, le delusioni non vanno cancellate ma devono essere lo stimolo per continuare un cammino di riscossa.

LA PARTITA

Non credo di sbagliare se affermo che la partita di ieri sera è stata indubbiamente la migliore disputata finora dalla Juventus, considerati tutti i 90 minuti, dato che con l'Inter il primo tempo non è che fosse stato da incorniciare.
Modulo 3 – 5 – 2 che sta diventando quello base, Gatti preferito a Bonucci, linea di centrocampo riconfermata ed è la terza di fila, con Fagioli – Locatelli – Rabiot e i due esterni Cuadrado e Kostic.
Invero è un 3 – 5 – 2 direi ibrido, la squadra si sistema praticamente a 4 a centrocampo in fase di non possesso palla, non sempre i due esterni scalano sulla linea difensiva, ma la squadra adesso appare più compatta e meglio equilibrata, oltre che, desiderosa di vincere, aggressiva per quanto necessario.
Direi pure mentalmente lucida e fredda, il doppio "giallo" rimediato dai nostri difensori nei giro di due minuti, cosa poteva condizionare il prosieguo, visto che la Lazio ha giocatori che puntano l'avversario, sono bravi a partire in velocità e da costringere al fallo i difensori.
Con una ottimale disposizione a chiudere tutte le linee di passaggio per vie centrali, la Juventus ha costretto gli avversari al gioco sulle fasce, dove sono più deboli, e abilità nel ripartire e lanciare gli avanti a campo aperto, cosa che esalta Kostic, ma anche Kean: così è nato il vantaggio, realizzato proprio quando erano i biancazzurri a sembrare più in controllo, pallone riconquistato da Rabiot e immediato lancio in profondità per il nostro attaccante, che con freddezza ha scavalcato Provedel, in uscita un po’ avventata.

La ripresa mi è sembrata molto vicina alla Juventus migliore degli anni vincenti, squadra che controlla con sicurezza la gara, non rischia nulla, quando attacca, sa cosa fare e come affondare i colpi, raddoppio nella fase iniziale, occasioni create che potevano produrre il 3 - 0 molto prima, e chiusura in bellezza con l'azione di Chiesa e traversone rasoterra in area a favore del liberissimo Milik, non credo sia un caso se gli unici pericoli per la porta di Szczesny siano arrivati nel recupero, a risultato ormai in cassaforte.

JUVENTUS IN BIANCO

Tagliamo la testa al toro, perchè leggo in giro, nella ormai manichea ripartizione del tifo tra "Allegri in" e "Allegri out", una sorta di ringalluzzimento dei primi, cosa che ritengo prematura.
Io non mi schiero a priori da una parte o dall'altra, mi schiero dal lato della Juventus, ovvero della squadra che ha come obiettivo quello di vincere, per cui non posso ritenermi affatto soddisfatto quando si perde, prendo atto con soddisfazione della inversione di rotta, aspetto gli esiti a fine stagione, per dare giudizi.
Ma non posso non evidenziando che comunque Allegri su molte scelte è tornato sui suoi passi, sul modulo, si sta stabilizzando la difesa a tre, con Danilo leader e Bremer sempre più a suo agio; stesso dicasi sulle scelte dei giocatori, maggiore spazio a Gatti, a Fagioli, centrocampo finalmente ben assortito e ne beneficiano tutti, fiducia a Kean che adesso viene ripagata; come dire, ha probabilmente fatto anche lui la dovuta autocritica per errori commessi in passato.

JUVENTUS IN NERO

Non credo si possa disquisire più di tanto in negativo stavolta, partita quasi perfetta, ritengo che il calo di intensità nel primo tempo è conseguenza delle ammonizioni, la squadra ha forse avuto paura di sbilanciarsi più di tanto, per non dare spazi agli avversari, con il rischio di accettare il confronto in campo aperto con gente come Felipe Anderson e il giovanissimo Romero, oltre che con un veterano di tante battaglie come Pedro: come dire, più che una scelta tattica di conservazione, mi è parso un modo di riorganizzarsi.

I SINGOLI

Sugli scudi naturalmente Kean, autore di due reti da opportunista che sa farsi trovare al posto giusto al momento giusto.
Ma credo siano tutti da elogiare, difesa direi impeccabile, e non era facile: mi preme evidenziare la prestazione di Gatti che, ammonito, non si è fatto prendere la tremarella, giocando con sicurezza e senza rischiare di commettere falli che potessero portare a qualche decisione negativa da parte di Massa; bene i centrocampo, con Rabiot e Locatelli finalmente all'altezza della situazione, con Fagioli che, magari meno appariscente di altre volte, conferma di essere giocatore poliedrico, se ci avete fatto caso al suo lavoro prezioso, il primo ad uscire dalla linea dei centrocampisti per aggredire il portatore di palla avversario, limitando così la capacità di manovra dei laziali.
Infine Kostic, ma non fanno più notizia le sue prestazioni di ottimo livello.

LA GIORNATA DI CAMPIONATO

Chi potrà fermare questo Napoli?
Al netto dei pianti e dei vittimisti dell’ambiente, è innegabile che è la grande sorpresa stagionale, squadra imbattuta, due soli pareggi e undici vittorie di fila, squadra che sembra attualmente priva di difetti anche quando ha delle assenze importanti: come dire, d’ora in avanti possono essere solo loro a sprecare il vistoso vantaggio accumulato sulle inseguitrici.
Secondo in solitario il Milan, vittorioso con affanno ed in extremis contro una Fiorentina sciupona quando sfortunata e vittima di alcune decisioni arbitrali quantomeno discutibili, anche se non fanno tanto rumore, vista la buona protezione mediatica dei rossoneri.
Juventus che sale al terzo posto, scavalcando la Lazio, oggi c’è anche il rammarico nel pensarsi, sempre a proposito di direzioni di gara, che nonostante i limiti di questo inizio stagionale, con decisioni diversi contro Roma e Salernitana, magari la questione scudetto sarebbe obiettivo molto più realistico, rispetto al dovere rimontare dieci punti di distacco.
Vince l’Inter a Bergamo, contro l’Atalanta, che subisce la terza sconfitta interna in scontri diretti, quasi a voler dire che la “favola” degli anni scorsi comincia a dileguarsi; altra battuta d’arresto della Roma, pareggio nei minuti di recupero contro il Torino.
In coda comincia a farsi drammatica la situazione di Cremonese, Sampdoria e Verona, molto staccate in fondo.

*******

Facciamo un passo indietro e andiamo alla gara del turno infrasettimanale, al Bentegodi.
Come volevasi dimostrare, il marcio del sistema mediatico che circonda il calcio, è esploso fragorosamente, così, dopo una sequela di orrori arbitrali documentati e dimostrati, che hanno condizionato la classifica attuale della Juventus, di questa Juventus brutta a vedersi, sgangherata e tutto quello che volete affibbiarle come giudizio negativo, il dibattito si è spostato sul campionato "falsato", per due decisioni tecnicamente corrette, a conferma che questa melm giornalistica non vuole direzioni di gara serie ed obiettive, ma solo antijuventine.
Insorgono soprattutto i napolisti, quelli del rigore del martedì precedente per svenimento di Osimhen, quelli che non hanno mai un VAR funzionante al San Paolo; insorgono gli interisti, quelli dell'altro svenimento di Lautaro Martinez, che ha provocato la punizione del 2 - 1 contro il Bologna, per non tacere del recentissimo annullamento del gol di Danilo per mani su trattenuta di De Vrij, confermando che loro conoscono solo un modo per vincere, creare terrorismo mediatico, per condizionare gli arbitraggi.
Non a caso stesse indignazioni non le ho lette dopo Juventus - Roma, Juventus - Salernitana, Milan - Juventus, ovvero tre gare "deviate" nel suo esito da decisioni palesemente smentite dalle immagini: in fondo bene così, vuol dire che hanno sempre paura di questa Juventus sgangherata, che per batterla hanno bisogno di condizionamenti ambientali e di giornali che costruiscono cazzate su indagini farlocche.
A ben vedere, Di Bello è stato vittima delle valutazioni contrarie a noi riservate nelle partite che ho sopra indicato, la sua direzione di gara anzi era stata davvero oscena a nostro danno nel primo tempo, per tutti lo spintone su Rabiot, non sanzionato, fallo commesso proprio davanti all'assistente di linea: sui due episodi, nel primo ha dato la sua valutazione, uguale a quelle date da Irrati sui due "mani" di Smalling, in Juve - Roma, sul secondo è Bonucci ad anticipare ed essere scalciato, come dire due episodi pacifici, giudicati anche così da moviolisti non proprio amici nostri (Marelli, Dalla Vite, Pinna).
Intendiamoci, come avevo sostenuto esserci il rigore almeno sul primo mani di Smalling in Juve - Roma, così per me il rigore per mani di Danilo andava concesso, dobbiamo ringraziare quindi l'avere Marelli escogitato il concetto di "palla inattesa", per cui se non concedi il primo, NON puoi concedere il secondo, si darebbe la prova di valutazioni sempre contrarie ad una sola squadra, specie dopo il gol annullato domenica sera, perchè se per difendere scelte e decisioni oscene si escogitano bizantinismi, alla fine quei bizantinismi diventano boomerang, come è accaduto.
Della partita poco da dire, Juventus non proprio convincente nel primo tempo, qualcosa di meglio fino al gol, poi un finale che, pur non rischiandosi molto, si è rimasti quasi passivi nella metà campo, non dico un catenaccio d'epoca, ma contro questo Verona fanalino di coda, qualche intraprendenza maggiore poteva essere auspicata, per cui prendiamoci i tre punti, la quinta vittoria di fila, il quarto posto agganciato, il non avere subito gol ancora una volta.
Poco anche da dire sulla prestazione dei singoli, a Kean il merito del gol vittoria, a Rabiot il merito dell'ennesima prestazione autorevole in campo, a Fagioli il merito di provare sempre la giocata in profondità e di essere combattente vero; gli altri diciamo sufficienza più o meno stiracchiata, mettiamola così, le ruggini di domenica sera avranno magari condizionato e fatto meno intraprendenti alcuni dei nostri, per non dirsi del mondiale ormai alle porte, per chi ci andrà.


E-mail: antonio_larosa{chiocciola}msn.com
Juve
Juve
Cerca nel sito
Archivio e statistiche
Juve Juve
Juve news - Tuttosport
I giocatori della Juventus
Juve
Altre news Juventus
Notizie in Italiano
Juve Tuttosport.com
Juve Gianlucadimarzio.com
Juve Sportmediaset.it
Juve Yahoo! Notizie
Juve Sky Sport
Juve Eurosport
Juve it.UEFA.com

News in English
Juve Yahoo! News
Juve SkySports.com
Juve Juve Football Italia
Juve UEFA.com
Il Palmares della Juventus
Juve
Fanzone
Juve Sondaggi
Juve Indice di gradimento
Juve Video Juventus e calcio
Juve Tweet di Juve e giocatori
Juve Meteo Torino
Juve Meteo Vinovo
Juve Meteo prossima gara Juve
Juve Live score - Risultati in diretta
Accedi alla fanzone
Juve
Juworld.NET è un sito non ufficiale, non autorizzato da o connesso a Juventus FC Spa.
I marchi Juventus e Juve ed il logo Juventus sono di proprietà esclusiva di Juventus FC Spa.
Il link ai siti esterni non implica riconoscimento da parte di Juworld.NET.
Copyright © 2001-2022 Juworld.NET - E' vietata qualsiasi riproduzione parziale o completa se non autorizzata.
Informativa cookies